Foto della scultura 'Radice Quadrata'







UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI SIENA scultura "RADICE QUADRATA"

Facolta' di Matematica (via del Capitano)
25° aniversario di istituzione-
Conferenza del Prof. Claudio Bernardi de La Sapienza di Roma
&
Presentazione di una scultura di Lidia Croce
"RADICE QUADRATA"
Siena 17 aprile 1997 ore 17.30

La geometria e il mondo infinito, arcano e razionale dei numeri con le sue leggi atratte che possono divenire simbolica metafora, ma anche veicolo di conoscenza di Dio e dell'Universo, hanno da sempre incantato e stimolato il pensiero sia a livello filosofico (Pitagora) che magico(il "corpus Ermaticum" e la Kabbala) ma anche artistico: dai misteriosi e affascinanti sette edifici poliedrici del perduto tempio dei Sabei presso Harran, descreitti dalla guida di Al Mas'udi, summa della sapienza astrologica antica,fino ai bizzarri disegni medioevali di Villard de Honnencourt, per non parlare degli esperimenti grafici di Leonardo, delle algide euclidee sostruzioni neoclassiche di un Boullče o dei sogni di Kandinskij. Tuttavia fino ad oggi la geometria era stata considerata come manifestazione di un canone estetico assoluto e ideale, una regola applicabile nella quale delimitare l'elemanto fantastico e particolare dell'arte, non come fonte genuina di ispirazione, stimolo e pungolo dell'ingegno fantastico. E' questa l'originalita' del bozzetto fittile "Radice quadrata" realizzato da Lidia Croce, prima scultura di un novativo e singolare ciclo dedicato alle scienze matematiche. Nell'opera della scultrice il segno della radice diviene forma viva, non iponea di un concetto anodino: una figura muliebre col capo rivolto verso il basso protende in alto le gambe, costruendo la configurazione della radice quadrrata, la testa , immersa in un magma di numerico, attinge alla linga ingarbugliata dei numeri e li elabora, li rigenera, slanciandoli in una danza gioiosa; un fluido vitale e creativo permea e percorre le forme della statua intera, i numeri stessi si metamorfizzano in coboldi vivaci, spiritelli intenti ad un girotondo quasi burlesco attorno la sebvera e tetragona mole della femmina-radice. E l'empito e la tensione dinamica sono temi costanti della Croce, la cui arte non č mai statica, bensi' sprigiona, nel marcare le linee di energia strutturali che abbracciano la statua tutta in un flusso vitalistico, una briosa e coinvolgente seuberanza. La donna si rende quindi medium demiurgico ed ordinatore della materia nera e confusa, posta in basso, e il risultato in alto č la Scienza, l'albedo alchemica; il caos dei numeri tramite la radice quadrata diviene solare sapere, infine vita. Questa "Radice quadrata" č la prima forma di una idea ancora incompiuta: l'opera, pur nella sua essenzialita' rigorosa, conserva un quid di inespresso; il progetto finale, dell'altezza di circa 3 metri e da realizzarsi in terracotta. Prevede l'aggiunta di un basamento ampio raffigurante un maremagno di numeri e l'intensificarsidei contrasti luce-ombra tramite una piuě articolata lavorazione e studio delle forme.


Pier Giacomo Petrioli.
Storico dell'Arte- Fondazione Longhi Firenze.






Torna alla pagina principale




Realizzazione Sito:
webmaster cb
VEDI ALTRE OPERE DI LIDIA CROCE